Lunedì, 09 Febbraio 2015 17:22

Zoubida Charrouf, la "madre" dell'olio di argan

Zoubida Charrouf, la "madre" dell'olio di argan

La professoressa Zoubida Charrouf, docente del Laboratorio di Chimica Vegetale e di Sintesi Organica e Bio-Organica alla Facoltà di Scienze dell’Università Mohammed V di Rabat, è stata colei che con le sue prove cliniche e testimonianze scientifiche ha rilanciato l'uso e la produzione di olio di argan puro, per lungo tempo trascurati. Il suo impegno è stato talmente importante che rese possibile la diffusione della conoscenza e dell'apprezzamento di questo prodotto sia nel suo paese che fuori. Nel 1995 elaborò e presentò alle autorità locali un progetto finalizzato allo sviluppo e alla promozione dell’olio di Argan, alla salvaguardia della foresta e al miglioramento della condizione della donna rurale marocchina. Fondò una cooperativa a Tamanar. La cooperativa si avvale di altre due illustri professioniste: Khadija Ghalimi (con studi commerciali e di marketing) e Amina Idalkadi (con specializzazione in informatica e corsi di marketing e gestione aziendale in Israele), oggi rispettivamente direttrice e presidente della cooperativa che produce olio di Argan, considerato una vera delizia gastronomica, estraendolo dai semi contenuti nel nocciolo del frutto dell’albero. La caparbietà di Zoubida Charrouf la portò a riuscire ad avere il sostegno nella sua opera da parte dell’Ambasciata e del Consolato della Gran Bretagna e il “Comité d’entraide internazionale” che finanziarono l’acquisto delle attrezzature necessarie. La prima sede della cooperativa fu a Tamanar e le altre due a Tizdi e Mesti. La peculiarità delle cooperative è la sua gestione costituita di sole donne marocchine. Le pioniere erano 16, guidate da Khadija Ghalimi e Amina Idalkadi sino ad oggi che sono 47. Invece 120 donne sono quelle che operano a domicilio. La foresta dell’Argan (circa venti milioni di alberi) è pesantemente minacciata dal processo di desertificazione, dall’estrema siccità e dallo sfruttamento intensivo del patrimonio boschivo. Il governo sta cercando di risolvere questa drammatica situazione con programmi di rimboschimento e di protezione del patrimonio forestale. La coltivazione dell’Argan ha portato maggiori flussi di denaro alle famiglie povere del Marocco e ha reso più sensibili queste famiglie al problema della protezione degli alberi di argan.

 

Zoubida Charrouf e Slow food

ll percorso dei Presidi Slow Food in Marocco inizia nel 2001 quando Zoubida Charrouf segnala a Slow Food l'olio di argan, che allora era una produzione sconosciuta. Slow Food è un'associazione internazionale non profit impegnata a ridare valore al cibo, nel rispetto di chi produce, in armonia con ambiente ed ecosistemi, grazie ai saperi di cui sono custodi territori e tradizioni locali. Raccogliere i frutti, sgusciarli ed estrarre l’olio, fungono da occasioni sociali: le donne s’incontrano, frequentano dei corsi e imparano a leggere e scrivere. Il presidium ha anche un valore ambientale. L'UNESCO ha dichiarato quella zona una riserva della biosfera. L’industria dell’Argan aiuta a mantenere il bilancio della regione confinante con il Sahara e ferma la desertificazione. Le maggiori zone di produzione sono Taroudant, Essaouira, Tiznit, Souss-Massa-Draâ, Agadir e Chtouka-Ait Baha.

 

Premi e riconoscimenti

Nel 2011, Zoubida Charrouf fu candidata al premio Nobel per la Pace. Precedentemente, lei e le sue cooperative ottennero i seguenti riconoscimenti nazionali e internazionali:
2001 - Lo "Slow Food Award for Biodiversity", assegnato alla cooperativa di Tamanar Amal
2004 - Il "Premio Khmissa 2004", consegnatole da S.M. Mohammed VI, re del Marocco
2005 - Il "Trophée de la Solidarité" nel 2005 e, all'estero, il "Prix Fondation Sociétariat Banque Populaire du Sud-Ouest per la ricerca scientifica sull'argania e la donna rurale"
2008 - Il "Grand Prix International du Parmigiano Reggiano"
2010 - Il "Gran Premio del Marocco" per l’invenzione e per la ricerca in Scienze e Tecnologie
2011 - Il "Prize of the Islamic Development Bank for Women’s Contribution to Development" (premio della banca islamica dello sviluppo per il contributo delle donne allo sviluppo).

 

Zoubida riceve il premio Parmigiano Reggiano

Letto 3312 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti